Imparare la felicità è una scelta

Imparare la felicità
Imparare la felicità

Imparare la felicità? Sembrerebbe una cosa da fuori di testa.

Eppure un certo Aristotele più di 2000 anni fa ci diceva che per essere felici bastano un po’ di studio e un po’ di applicazione. Così più di 10 anni fa mi sono dato da fare per capire come ciò potesse essere possibile. Ma anche che cosa fosse quella cosa così “evanescente” che si possa chiamare felicità.

Ho studiato, ho cercato di capire, ho sperimentato su di me e poi ho iniziato a raccontare ad altre persone ciò che avevo trovato. In molti continuano a guardarmi come se fossi uno che vive nel mondo dei sogni. Qualcuno mi ha preso sul serio e ha sperimentato ciò che avevo imparato e che ora stavo insegnando.

Condividere la felicità

Così è nato anche il corso “Felicità: le 4 leggi per vivere felici, senza preoccupazioni, ansia e stress”

Molte persone lo hanno provato e questa di Barbara, è una tra le tante testimonianze lasciate da chi ha applicato ciò che ha trovato nel corso:

“Davvero ottimo! I concetti e le informazioni sono presentati e spiegati con molta chiarezza. Si segue benissimo senza un attimo di fatica o di pesantezza. Il materiale a corredo è curatissimo e gli esercizi… beh, era un bel po’ di tempo che non ridevo tanto e così di gusto! Per provare a riassumere quello che provo adesso, dopo avere visto l’intero corso, mi viene in mente la frase del dottor Frankenstein: SI-PUO’-FA-RE! E con questo intendo che gli esercizi sono realmente fattibili, non si parla di meditare alle cinque del mattino sul cucuzzolo di una montagna, ma di adottare alcune semplici abitudini nella vita di tutti i giorni. Cosa che intendo fare a partire da adesso! Grazie a Daniele Berti per questa meravigliosa sintesi di teoria e di pratica, e per il sorriso contagioso con cui l’hai presentata!”

Questo è il video di presentazione del corso

Se vuoi leggere altre testimonianza puoi andare a questo link

Un antico aforisma dice “Puoi portare un cavallo alla sorgente ma non puoi costringerlo a bere”.

In fin dei conti non è necessario essere felici: la felicità è una scelta.

Share This Post