La Cucina della Felicità

La Cucina della Felicità
La Cucina della Felicità

Molte volte abbiamo parlato di alcuni aspetti relativi all’alimentazione e di come anche un’alimentazione sana sia una delle componenti fondamentali per coltivare la Felicità.

Ora finalmente, grazie all’esperienza e alla passione di Sara Marton che ad Agosto è diventata Leader di Risate con la Palestra della Felicità e che a settembre è diventata mamma per la seconda volta inauguriamo una nuova rubrica dal nome La cucina della Felicità nella quale Sara ci guiderà a scoprire tante ricette gustose e sane perché il piacere di mangiare non impedisce di mangiare anche in modo sano.

E chi è Sara ce lo racconta lei stessa in queste righe:

Ciao sono Sara, mamma e casalinga a tempo pieno, appassionata di cucina naturale.
Il mio percorso comincia con una “dieta” curativa che, dal 2010, mi ha portato a conoscere nuovi sapori e a ricercare nel cibo la gioia dello star bene e del divertimento attraverso colori e consistenze, diversi in ogni stagione.
E’ poi nato il mio grande amore per la pasta madre e con lei gioco settimanalmente per creare lievitati dolci e salati che nutrono il corpo e lo spirito.
Nella mia dispensa non sono presenti derivati animali, cibi industrialmente trasformati, cereali raffinati (e loro derivati), zucchero bianco ecc.
Uso i vegetali nella loro forma integrale, comprese le bistrattate bucce di certi frutti ed ortaggi.
Cerco di auto-produrre (non solo di cucinare!) in casa il più possibile di ciò che mangio.
Mi piace condividere le mie scoperte e le mie ricette ed ogni tanto organizzo dei corsi informali per cucinare ed assaggiare assieme.
Sto inoltre ultimando un piccolo manualetto divulgativo sul tema della buona tavola sana, ecologica e rispettosa.
Le mie figlie sono nate in casa, dopo gravidanze il più possibile indisturbate. Non hanno mai assunto farmaci e sono belle, forti e sveglie. Non sono vaccinate.
Per loro abbiamo scelto di fare educazione parentale perché crediamo che le esperienze della vita quotidiana abbiano da insegnare molto, stimolando la loro curiosità e permettendo loro di appassionarsi alle cose che imparano.
Così come sto facendo io.
A presto, con una sana scorpacciata di buon cibo
condito di tante sane risate
Sara Marton

Share This Post

Post Comment